l'esercizio come farmaco: il caso dell'ospedale villa beretta

L’esercizio come farmaco 

L’ospedale Villa Beretta è da sempre considerato un’eccellenza italiana e mondiale nel campo della medicina riabilitativa. 

Una realtà che propone un nuovo modo di affrontare la riabilitazione, fondato sulla cooperazione di diverse figure professionali: medici specialisti in medicina fisica e riabilitazione, fisioterapisti, logopedisti, psicologi, neuropsicologi, tecnici ortopedici e bioingegneri. 

Un lavoro sinergico il cui obiettivo è quello di migliorare la capacità di vita autonoma e la qualità della vita di persone con problematiche derivanti da disabilità determinate da malattie congenite o acquisite.

A questo scopo il team di esperti della riabilitazione è costantemente alla ricerca di strumenti che lo supportino nell’affrontare percorsi riabilitativi focalizzati sull’esercizio terapeutico e che siano in grado di offrire dati e analisi accurati e oggettivi.

“A Villa Beretta i pazienti che utilizzano Riablo sperimentano anche il dual task con lo scopo di “stressare” l’aspetto cognitivo”

L’utilizzo di sensori e del biofeedback come soluzione 

Partendo dall’esigenza di integrare sistemi tecnologici in grado di supportare il percorso di riabilitazione, il Dott. Franco Molteni ha scelto Riablo tra le soluzioni al servizio del proprio staff e dei propri pazienti. 

Grazia ai sensori indossabili e alla pedana stabilometrica  (equipaggiata con 320 sensori di pressione oltre a un accelerometro per rilevarne l’inclinazione), Riablo è in grado di monitorare i movimenti dei paziente, producendo un biofeedback audio-visivo che li guida nell’esecuzione degli esercizi in modo preciso stimolando il controllo ottimale del movimento. 

Il biofeedback audio-visivo di Riablo, agendo sulla plasticità neurale, favorisce la riorganizzazione delle reti neurali e il ripristino dei pattern motori. 

Un’affermazione che potrebbe essere tradotta in quello che è diventato il leitmotiv della struttura: “L’esercizio terapeutico come farmaco”. 

500+

pazienti

20000+

esercizi

La creatività nella riabilitazione 

I pazienti riabilitati con RiabloVilla Beretta sono già oltre 500 con più di 20.000 esercizi effettuati dal giorno della sua installazione a Costa Masnaga.

Numeri importanti che dimostrano la completa integrazione di Riablo all’interno delle pratiche riabilitative quotidiane e che vedono primeggiare, in termini di numero di esecuzioni, i seguenti esercizi:

  • Lat Trunk Flexion: esercizio per la mobilità del tronco. Il paziente, in posizione seduta, deve flettere il busto a destra o a sinistra seguendo un feedback sullo schermo che rappresenta l’angolo di inclinazione del busto sul piano frontale. Altri due sensori posizionati su coscia e tibia recano informazioni circa eventuali compensi degli arti inferiori.
  • Bi-Shoulder Flexion: esercizio bilaterale per gli arti superiori che richiede al paziente di eseguire un movimento di flessione di entrambe le braccia. I sensori posizionati sulle braccia recano informazione circa l’angolo di flessione raggiunto, i sensori sui polsi registrano eventuali compensazioni in termini di rotazione del polso mentre il sensore sul busto registra eventuali movimenti compensatori del tronco.
  • Start Walking: esercizio che simula la fase del cammino legata all’accettazione del carico. Grazie alla pedana di pressione e a 3 sensori inerziali posizionati sul tronco, sulla tibia e sulla coscia, Riablo controlla lo spostamento del carico, l’allineamento tra tronco, anca e tibia nel momento dell’arrivo sulla pedana e fornisce un feedback immediato al paziente per fargli capire se sta oscillando eccessivamente col tronco

Quantità e qualità, ma anche creatività. 

Grazia all’intensa iterazione con i fisioterapisti, i pazienti che utilizzano Riablo sperimentano anche il dual task (doppio compito) che ha lo scopo di “stressare” l’aspetto cognitivo.

Durante l’esecuzione del compito motorio, che prevede già che il paziente guardi il feedback visivo sullo schermo e legga gli eventuali messaggi, il fisioterapista aggiunge un ulteriore livello di difficoltà, chiedendo al paziente di ripetere parole al contrario o di effettuare semplici operazioni matematiche. 

Dall’ospedale a casa del paziente 

Non solo Villa Beretta è stato il primo centro a intravedere l’applicazione di Riablo in ambito neurologico, ma è stato anche il primo a volerne fortemente l’applicazione a domicilio. 

Utilizzando la versione domiciliare di Riablo, dotata di solo 3 sensori e un computer portatile che può essere connesso alla televisione, i pazienti continuano a casa il percorso riabilitativo iniziato in clinica.

Riablo contiene già al suo interno il programma di esercizi specifico per il singolo caso riabilitativo e il paziente non deve fare altro che far partire la sessione giornaliera.

Se il paziente dispone anche di una connessione a internet, Riablo invierà i dati degli esercizi effettuati a domicilio al Centro di riabilitazione che potrà monitorare costantemente da remoto il percorso riabilitativo. 

Quello di Villa Beretta, è un metodo di lavoro completamente incentrato sulla persona e sui suoi bisogni, al fine di migliorarne la capacità di vita autonoma, la partecipazione sociale e la qualità della vita. 

Siamo orgogliosi e grati di essere stati scelti come partner in questo ambizioso progetto che pone le sue radici nel diritto di ogni singolo individuo a recuperare la propria quotidianità.

le nostre storie di successo

L'esercizio fisico come farmaco:il caso dell'ospedale villa beretta

L'esercizio fisico come farmaco:il caso dell'ospedale villa beretta

L'esercizio fisico come farmaco:il caso dell'ospedale villa beretta

CONTACTS

CoRehab srl
via Kufstein 4
38121, Trento, Italia
+39 0461 960157
Impressum

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close